Giovedì 14 settembre


ore 19.30 | Piccolo Teatro Grassi | Italia

MONSIEUR TESTE  – Una prosa filosofica per contrabbasso, percussione e voce

di Paul Valéry | con Chiara Guidi (voce), Michele Rabbia (percussioni, elettronica), Daniele Roccato (contrabbasso, elettronica) | cura del suono Andrea Scardovi | effetti grafici Maurizio Misiano | produzione Societas | in collaborazione con Ass. Cult. LSD/Controchiave

Tentare di mettere in musica le parole di un testo filosofico significa entrare con il suono nell’essenza stessa del pensiero. Non tutta la filosofia, però, si può cantare mentre la si recita. Monsieur Teste, sì! Perché nel linguaggio di Valéry v’è una visione sottile che portando oltre “i bordi muti della parola” non può che interrogare la musica. E ci invita all’azione.
In fondo è come vedere e capire quel che c’è in noi di più nascosto, “l’oscura sostanza che noi siamo senza saperlo”, come “descrivere questo mutevole fondo senza punti di riferimento che ha i più importanti ma anche i più instabili rapporti con il pensiero? Ne è capace solo la musica”.
Allora al suono della voce, del contrabbasso e delle percussioni la ricerca di quella vibrazione.

Chiara Guidi, regista e fondatrice con Romeo e Claudia Castellucci della Societas Raffaello Sanzio, sviluppa una personale ricerca sulla voce come chiave drammaturgica, ma anche come corpo, azione, disegno, rivolgendo la propria tecnica vocale sia a produzioni per un pubblico adulto, sia elaborando una specifica concezione di teatro per l’infanzia.
Dal 2008 dirige il festival Màntica al Teatro Comandini di Cesena e nel 2011 fonda Puerilia, festival di puericultura teatrale, per i quali ottiene nel 2013 il Premio al Maestro – Premio Nico Garrone, e il Premio Speciale UBU.
Fra le opere recenti lo spettacolo Poco lontano da qui (2012), Macbeth su Macbeth su Macbeth. Uno studio per la mano sinistra (2014), Lettere dalla notte (2016). Dal 2015 al 2018 è nominata Artiste Associée al Théâtre Nouvelle Génération di Lione, Francia.

 

PREVIUS